vladimiro leoni

    All’età di dieci anni chiesi a mio padre di comprarmi una chitarra, forse perchè avevo sentito suonare qualcuno o forse per l’intima necessità di avere a disposizione uno strumento di comunicazione per le mie emozioni. Dopo i primi approcci, i primi studi didattici di chitarra classica, intuii che questo era il mio strumento. Cominciai a suonare, come facevano tutti a quel tempo, con i gruppetti che si andavano formando nella zona. Quando capii qual era il mio destino continuai gli studi chitarristici con il Maestro Marco De Santi.

    Ho seguito gli studi classici presso l’Istituto musicale G. Viotti a Vercelli e mi sono perfezionato con il Maestro Angelo Gilardino seguendo i corsi internazionali di chitarra di Trivero Caulera (VC). Grazie a questi maestri ho imparato la “Musica” ed il suo significato. Il mio autore preferito è sempre stato il compositore brasiliano Heitor Villa Lobos, in seguito così continuai a coltivare la passione per la chitarra brasiliana, in particolare per le composizioni di Antonio Carlos Jobim, passione che ho condiviso con il cantante Marco Bortoli. Dalla nostra collaborazione, nel 1992, è nato il gruppo Waja Maja che si dedica quasi esclusivamente alla musica brasiliana d’autore. Con questo gruppo mi sono esibito in varie località italiane, centri culturali, associazioni, Festival Jazz. Ho partecipato a varie trasmissioni musicali radiofoniche, alcune delle quali sono state mandate in onda in diretta online dalla radio Web The Other Emission Webcast. Con il Waja Maja ho pubblicato il primo CD nel 2001 dal titolo WajaMaja, nel 2003 l’album “Vènt”, e nel 2007 l’album “Il sogno del Poeta”. Tra i miei lavori ricordo molto volentieri la partecipazione al progetto ZONE del compositore contemporaneo milanese Maurizio Pisati, con il quale ho inciso alcuni brani facenti parte di CD di sua pubblicazione. Nel 2010 ho partecipato al suo spettacolo “Quando i cappelli iniziarono il cammino” ritrovandomi con piacere a suonare le sue moderne e originalissime musiche. La collaborazione con la cantante Maria Elisabetta “Betty” Vittori è nata grazie alla magia di una amicizia che insiste da tempi lontani: ho vissuto nel ricordo della sua voce, e mi sono ritrovato affascinato da una nuova poesia che condivido come meravigliosa ed espressiva forma d’arte. Con Betty Vittori ho costituito il gruppo “The Secret Flame” nel 2003. Nello stesso anno “The Secret Flame” pubblicano l’album Caffè Grande Italia.

    Nel 2010 è iniziata una nuova collaborazione con i musicisti Giulio Corini al contrabbasso e Simone Boffa alla chitarra acustica; con questa formazione è stato registrato un lavoro pubblicato nel gennaio 2011 che include esclusivamente brani di composizione della cantante Betty Vittori e dal titolo Border Life. Ho cominciato a insegnare la chitarra classica all’età di 16 anni, dopo alcuni anni ho trascurato questa attività per dedicarmi esclusivamente allo studio dello strumento, della musica brasiliana ed ai concerti dal vivo.

    Ho ricominciato nell’anno accademico 2009/2010 presso l’accademia di musica di Cellatica (BS) nel 2010/2011 presso l’accademia musicale di Sirmione (BS) riscoprendo questa attività ed accorgendomi che mi stava dando tanto entusiasmo e voglia di dedicarmi ai miei allievi, così ho continuato questa attività fino a tutt’oggi.